MUSEO CIVICO PALAZZO DEI CONSOLI – GUBBIO2021-09-16T09:21:36+00:00

IL MUSEO

Palazzo dei Consoli, denominato in origine Palazzo del Popolo, costituisce con il complesso di Piazza Grande e Palazzo del Podestà una delle più ardite realizzazioni urbanistiche medioevali. Costruito al centro dei quattro quartieri della città sotto la direzione dell’architetto Angelo da Orvieto, l’antico palazzo di governo rappresenta la grandiosità del progetto politico e istituzionale del comune eugubino al principio del XIV secolo. Di stile gotico l’edifico, alto oltre 60 metri, domina il centro storico con la torre campanaria e la loggia panoramica e si apre verso la piazza pensile con la scalinata a ventaglio. Molto suggestivo è l’interno: la grande sala dell’Arengo, con volta a botte, destinata ad accogliere il Consiglio Generale del Popolo, la cappella Palatina e il piano nobile riservato alle funzioni di governo dei Consoli, con affreschi, arredi lignei e fontane la cui presenza costituiva una delle meraviglie della città, che disponeva già dal Trecento di un acquedotto pubblico, opera imponente di ingegneria idraulica. Nel corridoio segreto, i servizi igienici medioevali e le tubature per l’acqua corrente confermano l’alto grado di tecnologia raggiunto dalle maestranze eugubine. Dal 1909 il Palazzo dei Consoli è sede del Museo Civico. La raccolta museale illustra la storia e la cultura della comunità eugubina dalla preistoria al XX secolo. Di assoluto rilievo e fama internazionale sono le Tavole Iguvine, sette lastre di bronzo su cui è inciso il più lungo e importante testo rituale dell’Italia antica. Redatte in momenti diversi tra il III-I sec. a.C. utilizzando due alfabeti dell’epoca, l’etrusco e il latino, le Tavole sono fondamentali per la conoscenza della società, della cultura materiale e della lingua degli antichi Umbri di cui Gubbio, Iguvium, era uno dei centri religiosi più importanti. Le epigrafi bronzee rappresentano il cuore di una collezione archeologica tra le più ricche della regione con reperti che vanno dal paleolitico all’età tardoantica. Monumentali e di grande valore storico sono le epigrafi di carattere celebrativo e funerario esposte nel Lapidario, così come alcune sculture, elementi decorativi e vasellame domestico legati alla storia del municipio romano di Iguvium. Questa sezione è completata da una collezione di monete databili dall’età umbra all’età moderna.

Allestita nella sala della loggetta e lungo il corridoio segreto, la collezione di ceramiche si compone di una selezione di manufatti databili dal XIV sec. al XX secolo. Interessante è la produzione della maiolica arcaica che presenta vasellame di uso domestico decorato con motivi stilizzati geometrico-floreali a due colori, verde ramina e bruno manganese. Preziosa e rinomata è la produzione rinascimentale a lustro rosso e dorato della bottega di Mastro Giorgio Andreoli, attiva a partire dagli anni ottanta del Quattrocento e specializzata nella produzione di maiolica istoriata e lustrata. Usata fin dall’VIII sec. d.C., la tecnica del lustro fu introdotta nella decorazione della ceramica per donare ai manufatti un aspetto di metallo prezioso. Il vasellame farmaceutico costituisce un nucleo importante nella collezione: proveniente dagli antichi ospedali cittadini è caratterizzato principalmente da versatori per medicamenti liquidi e da albarelli destinati a preparazioni dense, oleose e spezie. Completano la collezione una serie di crogiuoli e duomi d’alambicco in terracotta utilizzati per la distillazione. Attesta la riscoperta dell’antica tecnica del lustro, la produzione di ceramica di epoca moderna: fin dalla prima metà del XIX sec. l’attenzione si concretizza non solo nella ricerca storica ma anche tecnologica. I manufatti esposti al museo sono la testimonianza della ricca produzione di Fabbri, Carrocci, Spinaci, Passalboni e Magni. Il percorso museale della ceramica termina con i lavori del maestro Aldo Ajò, principale interprete della tradizione contemporanea. Le sale del piano nobile ospitano la Pinacoteca, caratterizzata da affreschi, dipinti su tavola e tela principalmente di scuola umbra, databili dal tardo Duecento all’Ottocento. Pregevole è la produzione di epoca medioevale in cui spiccano le opere di scuola giottesca della bottega del Maestro della Croce di Gubbio e i grandi polittici di influenza senese attribuiti al Maestro Espressionista di Santa Chiara, a Guido Palmerucci e Mello da Gubbio. Nella sala delle Fontane dominano le grandi tele del XVI e XVII secolo, prevalentemente pale d’altare e gonfaloni, importante sintesi degli orientamenti pittorici presenti a Gubbio in quel periodo: la cultura di stampo rinascimentale di Sinibaldo Ibi e Francesco Signorelli, la “maniera” di Virgilio Nucci e il classicismo romano di Giovan Battista Michelini. Nella collezione trovano spazio opere di pittori influenzati dal naturalismo di Caravaggio come Rutilio Manetti e Simon Vouet. Completano la raccolta museale due collezioni frutto di importanti donazioni entrambe risalenti agli inizi del XX secolo: la collezione Risorgimentale, costituita da testimonianze ed oggetti di varia natura che illustrano il contributo dato dalla città di Gubbio al processo di unificazione del territorio italiano; la collezione Orientale “Vivian Gabriel”, unica nel suo genere, composta prevalentemente da oggetti legati a particolari aspetti della vita religiosa delle popolazioni indosinotibetane.

LA MAPPA DEL MeTU

IL MUSEO A GUBBIO

CONTATTI

Museo Civico Palazzo dei Consoli

Piazza Grande – Gubbio (PG)

075 927 4298

GALLERY

  • ORARI

Da Aprile a Ottobre: ore 10.00 – 13.30 / 14.30 – 18.30
Da Novembre a Marzo:  ore 10.00 – 13.00 / 14.30 – 17.30
fine settimana: 10.00 – 18.00

Aperto il 1° gennaio: ore 15.00 – 18.00

Chiuso il 13-14-15 maggio e il 25 dicembre
(nei mesi di Giugno, Luglio, Agosto, festività natalizie, festività pasquali e nei ponti, l’orario potrebbe subire delle variazioni)

La biglietteria chiude 1 ora prima rispetto all’orario di chiusura del museo

  • BIGLIETTI

Intero: € 7,00

Ridotto: € 5,00
titolari di apposite convenzioni, ragazzi dai 6 ai 25 anni, visitatori oltre 65 anni, gruppi superiori alle 15 unità, giornalisti, residenti nel Comune di Gubbio

Gruppi scolastici: € 4,00

Scuole del Comune di Gubbio: € 2,00

Gratuiti:
bambini sino a 5 anni di età, membri dell’ICOM, membri della Commissione Consultiva della Regione Umbria, guide turistiche,portatori di handicap e un loro accompagnatore, residenti nel Comune di Gubbio in assenza di mostre temporanee

ITINERARIO CONTEMPORANEO
ITINERARIO ARTIGIANATO
ITINERARIO ROMANO
ITINERARIO PITTURA NORD-EST
KIT ANTICHI UMBRI
KIT ARTIGIANATO
KIT BASSORILIEVO
KIT CERAMICA
KIT IL GIOCO DELL’OCA MEDIEVALE
KIT TEATRO
KIT MASCHERA
KIT PITTURA
OTTAVIANO NELLI E IL ‘400 A GUBBIO

Oro e colore nel cuore dell’Appennino. Ottaviano Nelli e il ‘400 a Gubbio.

Nelle sedi dei musei di Palazzo dei Consoli e Palazzo Ducale sarà visibile al pubblico, dal 23 Settembre 2021 al 9 Gennaio 2022, una mostra attesa e necessaria: la città rende omaggio al pittore eugubino Ottaviano Nelli, uno dei pittori più rappresentativi del gotico internazionale.
La prima notizia sul pittore eugubino Ottaviano Nelli (ca.1370 – 1446/1449) è del 1400. In quell’anno è console del Comune di Gubbio per il Quartiere di Sant’Andrea e deve aver compiuto almeno trent’anni. Da questo momento e fino alla fine della sua vita, poco prima del 1450, la carriera di Ottaviano è tutta di corsa, tra tavole d’altare, oggetti d’artigianato e tante pareti affrescate. Diviene uno dei maggiori interpreti di un linguaggio gotico internazionale dalla vivacità quasi dialettale, ricco di colore e di digressioni aneddotiche. Viene chiamato a lavorare anche a Perugia, Città di Catello, Assisi, Foligno, Fabriano, Urbino, Fano e Rimini, esercitando così influssi a vasto raggio.

ALDO AJÒ
LUSTRO E MASTRO GIORGIO
PALAZZO DEI CONSOLI
PITTURA A GUBBIO TRA ‘200 E ‘300
TAVOLE IGUVINE

GUBBIO

Immergiti nel fascino medievale di Gubbio e scopri le bellezze della città.

SCOPRI

RICHIEDI INFO

    Informativa sulla Privacy

    Gubbio Cultura e Multiservizi Srl, in qualità di titolare del trattamento, ha aggiornato la policy privacy in conformità al Regolamento europeo 679/2016 in materia di protezione dei dati personali.
    In osservanza a quanto previsto dal regolamento europeo i dati raccolti da Gubbio Cultura e Multiservizi Srl, saranno trattati e gestiti, secondo le idonee misure di sicurezza; inoltre il suo indirizzo mail sarà utilizzato per la risposta alla sua richiesta e non verrà ceduto a terzi. In qualsiasi momento può richiedere l'accesso ai suoi dati personali.
    Per maggiori info si invita a leggere l'informativa privacy completa al link Privacy Policy

    Ho preso visione dell'informativa privacy e accetto integralmente il contenuto.

    Torna in cima